//La figura dei “Procuradores” in Spagna

La figura dei “Procuradores” in Spagna

In Spagna esiste la figura dei “Procuradores”. Si tratta di un unicum europeo sconosciuto agli altri Paesi. I Procuradores sono laureati in Giurisprudenza, non sono Avvocati, ma sono iscritti a uno speciale Albo professionale (Colegio de los Procuradores). I Procuradores sono un “notificador procesal“.

Il suo compito consiste nel ricevere e trasmettere all’Avvocato le notifiche dei Giudici, o depositare presso le cancellerie dei Tribunali gli atti e le istanze dell’Avvocato, oltre a monitorare il fascicolo presso la cancelleria del Tribunale. In questo modo l’Avvocato non si preoccupa di dover perdere tempo in pratiche burocratiche e può concentrarsi nel proprio lavoro intellettuale ovvero nella redazione degli atti processuali e nell’intervento nel processo.

In altre parole: ciò che negli Studi legali italiani fanno i praticanti, in Spagna lo fanno telematicamente i Procuratori.

Vantaggi di un Procurador

Un ulteriore grande vantaggio di questo sistema consiste nel fatto che un Avvocato dal proprio Studio a Barcellona potrà per esempio presentare “a distanza” un qualsiasi atto a Madrid, Bilbao, Valecia o in qualsiasi altro Tribunale, senza dover per questo rivolgersi a un avvocato corrispondente in loco. Gli sarà sufficiente avere un Procurador in quella città e mandargli per email i documenti da presentare in Tribunale.

L’unico inconveniente è rappresentato dal fatto che gli onorari dei Procuradores sono stabiliti da tariffari minimi obbligatori approvati dal loro Ordine professionale e, pertanto, il cliente deve necessariamente assumerne il costo. Si tratta in ogni caso di importi minimi rispetto agli onorari dell’avvocato proprio in ragione del fatto che mentre questi svolge un’attività intellettuale, il Procuratore realizza un’attività meramente materiale.

Un buon Procurador è essenziale per sbloccare pratiche magari incagliate in Tribunale, conosce i cancellieri e può rivelarsi prezioso e fondamentale in diverse occasioni.

By |2018-11-28T14:36:42+01:00lunedì 7 Maggio 2012|Articoli|0 Comments

Autore:

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi