//Patent Box agevolazioni fiscali per imprese in Spagna

Patent Box agevolazioni fiscali per imprese in Spagna

Il Patent Box é un particolare regime fiscale che permette di escludere da tassazione alcune tipologie di redditi d’impresa, quando derivino da determinati beni intangibili.

Molti paesi europei, tra i quali anche l’Italia e la Spagna, prevedono detto regime. Il sistema di funzionamento nei vari paesi é simile, ma esistono differenze che normalmente riguardano la percentuale di reddito escluso da tassazione o le condizioni di applicabilitá. 

In Spagna il Patent Box esiste giá dall’anno 2008, quando fu introdotto dall’art. 23 del Real Decreto Ley 4/2004 del 5 di marzo, di approvazione della Legge sull’Imposta societaria spagnola. Attualmente é regolato dall’art. 23 della Ley 27/2014, che giá é in linea con i principi stabiliti dalle BEPS (nuove direttrici della OCDE contro l’erosione delle base imponibili e trasferimento di benefici societari all’estero). 

Le caratteristiche principali del regime sono le seguenti.

  • Soggetti che hanno diritto ad applicare il beneficio: qualunque tipo di societá che abbia creato un attivo intangibile direttamente o indirettamente (indipendentemente della data di creazione). 
  • Tipi di intangibili inclusi: patenti, disegni o modelli industriali, piani formule o procedimenti segreti e know-how (inteso come diritti su informazioni relative a esperienze industriali, commerciali o scientifiche)
  • Tipi di redditi inclusi:
  • concessione del diritto di uso o di sfruttamento di beni immateriali, a condizione che il cessionario utilizzi l’intangibile nella realizzazione di una attivitá economica e che non risieda in un paradiso fiscale o territorio a tributazione zero (salvo che sia situato in uno Stato UE ed il contribuente accrediti che l’operativa risponde a motivi economici validi e relazionati con una attivitá economica);
  • plusvalenze nel caso di trasmissione degli attivi intangibili, sempre che la vendita non si realizzi tra parti vincolate. Anche in Italia le plusvalenze sono incluse nel regime, ma solo a condizione che almeno il 90% del corrispettivo sia reinvestito nel termine massimo di 2 anni nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali. 
  • Percentuali di riduzione del reddito: 60%. La quota di reddito agevolabile sará determinata sulla base del rapporto tra i costi sostenuti per la creazione dell’attivo (inclusa la subcontrattazione di terzi non vincolati) incrementati di un 30%, ed i costi totali relazionati all’attivo (inclusi quelli relativi alla subcontrattazione di terzi e l’eventuale costo d’acquisizione, ma escluse le eventuali spese finanziarie e quelle di ammortamento di immobili). In Italia le percentuali di riduzione sono le seguenti: 30% nel 2015; 40% nel 2016; 50% a partire dal 2017.

Ruling con l’amministrazione: non é mai obbligatorio. Puó avere ad oggetto – con carattere previo alla realizzazione delle operazioni – la qualificazione degli attivi come appartenenti ad una delle categorie incluse e/o la quantificazione dei redditi derivati dalla cessione in uso/vendita e spese associate. Lo stesso procedimento é offerto alle imprese che vogliano una valutazione previa vincolante dell’Agenzia delle Entrate spagnola circa le spese che possano avere diritto alle deduzioni previste per attivitá di investigazione ed innovazione tecnologica.

By |2020-01-29T12:18:34+01:00mercoledì 29 Gennaio 2020|Articles|0 Comments

Autore:

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi